Nel giorno delle panchine rosse, Sos violenza domestica in prima linea a Pozzolengo e Castelnuovo

E’ il giorno delle panchine rosse. Un po’ ovunque si ricorda la giornata internazionale contro la violenza alle donne inaugurando questo simbolo rosso sangue. La nostra associazione ha cercato di essere presente in alcuni comuni del territorio, limitrofi a Peschiera, dove ha sede lo sportello di ascolto. In particolare Castelnuovo del Garda e Pozzolengo dove ci siamo recate con delegazioni di volontarie. Continua a leggere “Nel giorno delle panchine rosse, Sos violenza domestica in prima linea a Pozzolengo e Castelnuovo”

Castelnuovo del Garda celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

IMG-20181121-WA0001Anche Castelnuovo celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne con una serie di iniziative. Si comincia venerdì 23 novembre ore 20.30 con la proiezione del film “Viaggio in Inghilterra”. Sabato 24 novembre ore 10 ritrovo alla panchina rossa davanti al Comune. A seguire presentazione del libro “La ribelle” di Leonardo Guerriero.

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Anche Sos Violenza domestica in prima linea a Pozzolengo (BS)

Pozzolengo – L’Amministrazione Comunale di Pozzolengo, per il terzo anno consecutivo, esprime forte e chiaro il suo “No” alla violenza contro le donne. Lo fa organizzando una serie di eventi per ben tre giorni il 23, 24 e 25 Novembre in occasione della Giornata Internazionale Contro la violenza sulle Donne, stabilita per l’ultima domenica del mese. Continua a leggere “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Anche Sos Violenza domestica in prima linea a Pozzolengo (BS)”

Panchina rossa, inaugurazione domenica 17 giugno ore 12. Centro d’ascolto Sos, piazzale parrocchiale San Benedetto di Lugana

img-20171201-wa0004.jpgPatrizia Bertagna – Peschiera del Garda – Domenica 17 giugno alle ore 12 davanti al nostro centro di ascolto, nel piazzale parrocchiale di San Benedetto, verrà inaugurata la panchina rossa, un simbolo contro la violenza alle donne. Con questa iniziativa ci proponiamo di essere tra la gente, per ricordare che la violenza di genere colpisce tutti i giorni, spesso tra le mura domestiche, e che anche amiche, parenti, vicine di casa possono essere le prossime vittime. La presenza della panchina rossa costringerà tutti a fermarsi, a guardare, a ricordare, a non voltare la testa dall’altra parte. Questo gesto è per le Socie dell’Associazione SOS Violenza Domestica Onlus portatore di significato, un monito visibile e permanente per i cittadini contro la violenza sulle donne.

In ottocento alla Gran Guardia, calciatori dilettanti e famiglie, contro la violenza alle donne

Ketty Remelli – Verona – Bellissima esperienza quella alla Gran Guardia di Verona del 6 giugno  in occasione della premiazione delle promesse del calcio. Il ricavato della serata a offerta libera è stato devoluto alla nostra Associazione onlus che ha potuto presentarsi in un auditorium gremito. Ottocento persone fra bambini e genitori, oltre ad allenatori e a diversi giornalisti hanno festeggiato con entusiasmo i calciatori dilettanti della nostra provincia. Ma, quando è stato proiettato il video della Polizia sulla violenza contro le donne e ho presentato la nostra Associazione, la platea ha seguito in silenzio con molto interesse dimostrando la massima sensibilità al problema.

Drammatiche testimonianze di violenza alla Dogana di Lazise

Monica Messina – Lazise – Storie di violenza vissute sulla propria pelle quelle raccontate il 28 maggio alla Dogana Veneta da Gessica Notaro e Lidia Vivoli che hanno portato la loro drammatica testimonianza di donne vittime della bestiale violenza di uomini che dicevano di amarle. La serata, patrocinata dal comune di Lazise, coordinata dall’avvocata del Foro di Verona Elisa Montresor, dopo i saluti di rito del sindaco Luca Sebastiano e dell’avvocato Alessandro Rigoli, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Verona, è stata un crescendo di emozioni contrastanti e di pathos. Continua a leggere “Drammatiche testimonianze di violenza alla Dogana di Lazise”