Archivi autore

Gabriella Poli

Libera pensatrice. Giornalista professionista, iscritta all'Albo professionale dal 1988, ho maturato diverse esperienze nel campo della carta stampata, della radio (Radio RPL, Antenna 3) e della televisione (Rai e Mediaset, Tele Antenna 3). Dottorato internazionale in Tecniche della Comunicazione indirizzo Giornalismo. Sono stata, tra l'altro, direttore di testata giornalistica. Ora mi diletto di argomenti vari quali l'Arte, i viaggi e l'enogastronomia. Scrivo libri e brevi racconti pubblicati in varie antologie. (guide di viaggio per la RCS e libri di restauro e arte per l'Editoriale l'Espresso) e romanzi: La sinfonia dei Templari.

Incontro con Paolo Crepet, l’uomo che vive nel futuro, al Senior Festival di Peschiera del Garda, nella serata organizzata da Sos Violenza domestica

Gabriella Poli – Peschiera del Garda – Ho sempre pensato che il futuro fosse la dimensione ideale. Un futuro teso al miglioramento in tutti i campi, al raggiungimento di traguardi ambiziosi, allo sviluppo di progetti professionali, di sogni da realizzare e povero di invidia e viltà. Ne parlavo a Milano, anni fa, con l’amico Italo Piccoli, docente di sociologia alla Cattolica e quando gli dissi testualmente “L’uomo può vivere solo nel futuro”, rimase colpito. Erano gli anni ’90 in piena New Age dove il “qui e ora” imperava. Ma il presente paga solo chi decide di vivere rassegnato a far passare il tempo giorno dopo giorno fino a che passa anche la vita. L’uomo che vive nel futuro è un concetto visionario che ha messo nero su bianco, tra l’altro, Paolo Crepet, ieri sera a Peschiera in una conferenza nell’ambito della terza edizione del Senior Festival organizzata dall’associazione Sos Violenza Domestica.

Perché il pensiero del futuro mantiene vivi e vitali anche gli anziani, i quali finché pensano a realizzare progetti non sentono il peso degli anni e sopportano più serenamente le magagne del presente. Ma la progettualità del domani è indispensabile soprattutto per le giovani generazioni che non possono limitarsi a vivere parandosi dietro le indiscutibili difficoltà a trovare lavoro. Anche le generazioni passate hanno avuto difficoltà nel lavoro ma hanno affrontato fatica, privazioni e responsabilità, hanno studiato e si sono preparate alla professione seriamente. Senza sacrificio, sforzo personale e progetto si resta fermi nel presente a passare giornate e serate inutili. Ecco perché la sana ambizione è un concetto che fa muovere il mondo. Non importa se si sbaglia, una, due, cento volte. L’azione ragionata e eticamente corretta è vincente, chi agisce è vincente. Al coraggio di affrontare le difficoltà e progettare un domani migliore si affianca la passione che ha reso grandi e spesso longevi artisti e uomini famosi.

Ecco dunque che passione e coraggio rappresentano quella marcia in più che può sconfiggere anche la vecchiaia e la malattia. Che può salvare dal baratro le nuove generazioni deboli e inconcludenti, non vaccinate alla fatica del pensiero, del sublime semplice, della bellezza dell’arte e della cultura, indebolite dalla scuola di stato, permissiva e senza valori…

Crepet, psichiatra, sociologo, scrittore e grande affabulatore, ha trovato consensi nella platea dei senior, guidata dall’assessore Massimo Oliva, organizzatore del Festival e dal manager e storico dott. Carlo Scattolini. La serata si è conclusa con autografi dell’autore sui due libri presentati “La passione” e “Il coraggio”, appunto.

Sos Violenza domestica presente il 15 maggio alla terza edizione del Senior Festival (12 -18 maggio a Peschiera del Garda). La nostra serata prevede la partecipazione dello psichiatra Paolo Crepet

Gli eventi  toccheranno vari aspetti del buon vivere, dalla conservazione della salute fisica fino a quella mentale e spirituale, senza dimenticare quegli aspetti che dovrebbero accompagnare un modo di concepire l’esistenza sereno nei confronti di se stessi e del prossimo. Ecco allora che verrà posta adeguata attenzione anche al ricordo, inteso come sana nostalgia del tempo passato; alla solidarietà; al gioco e a sentimenti come il coraggio e la passione. Questi ultimi saranno raccontati grazie a un’ospite d’eccezione del Senior Festival 2019, lo psichiatra Paolo Crepet (15 maggio, ore 20:30 nel Sottotetto della Caserma d’Artiglieria). Continua a leggere “Sos Violenza domestica presente il 15 maggio alla terza edizione del Senior Festival (12 -18 maggio a Peschiera del Garda). La nostra serata prevede la partecipazione dello psichiatra Paolo Crepet”

Una scarpetta rossa offerta come simbolo della nostra attività

Gabriella Poli – San Benedetto di Lugana – Una scarpetta rossa è stata offerta come simbolo della attività di sos violenza domestica alla cerimonia di offertorio della festa delle associazioni, organizzata il 28 aprile scorso, dalla Parrocchia di san Benedetto di Lugana, luogo per noi assai importante perché, nel cortile antistante, si affaccia il nostro sportello di ascolto.

L’occasione è coincisa con il 30° anniversario di sacerdozio del parroco don Luigi Trapelli che è stato al quale abbiamo dedicato un augurio sincero : “Grazie don Luigi di aver accolto con entusiasmo la nostra Associazione Sos Violenza domestica, fin dalla sua fondazione nel 2013. Grazie di averci ospitato nel tuo teatro, per le nostre manifestazioni, e nella corte della Parrocchia per il nostro sportello di ascolto. Tutte le donne maltrattate in difficoltà che abbiamo aiutato in questi ultimi 6 anni ti sono grate. Tutte noi ti auguriamo buon anniversario nel 30° del tuo sacerdozio”.

Camminata Rosa, una corsa per fermare la violenza

Gabriella PoliPacengo di Lazise – Il maltempo non ha fermato stamattina, domenica, gli oltre cento partecipanti della Camminata Rosa, la corsa podistica non competitiva organizzata da SOS violenza domestica all’interno del festival del jazz al femminile della Capannina Beach di Pacengo. La camminata di quest’anno, che ha avuto il patrocinio del Comune di Lazise e della Regione, ha visto la partecipazione di molte volontarie, simpatizzanti e delle socie di Andos, che si occupa delle donne operate di cancro al seno, Progetto donne di Castelnuovo e Inner Wheel di Peschiera. Ad attendere i partecipanti dopo il percorso ad anello di cinque chilometri un buffet allestito a cura di Sos sotto il porticato della Capannina.

Concluso il corso di formazione all’ascolto di Mozzecane. Quattro incontri per imparare ad accogliere le vittime di violenza senza giudizi o pregiudizi

Gabriella Poli – Mozzecane (VR) – “Io ti ascolto”, il corso di formazione all’ascolto di donne vittime di violenza, voluto dalla commissione pari opportunità di Mozzecane (VR), guidata dall’assessore Debora Bovo, e realizzato con la collaborazione di Sos violenza domestica, si è concluso con buona partecipazione di volontarie, psicologhe e assistenti sociali, che si occuperanno dello sportello di prossima apertura presso la biblioteca comunale. Continua a leggere “Concluso il corso di formazione all’ascolto di Mozzecane. Quattro incontri per imparare ad accogliere le vittime di violenza senza giudizi o pregiudizi”

Mozzecane, il corso antiviolenza organizzato con la collaborazione di Sos violenza domestica trova spazio anche sul quotidiano L’Arena

IMG-20190327-WA0000

Mozzecane – Il quotidiano veronese L’Arena dedica al corso antiviolenza organizzato con la collaborazione di Sosviolenza domestica un ampio servizio. Il primo incontro è previsto venerdì 29 marzo dalle 15 alle 17. Seguono gli altri sabato 30 marzo dalle 9 alle 11, venerdì  5 aprile dalle 1 alle 17 e sabato  aprile dalle 9 alle 11.

Camminata rosa di Sos violenza domestica, seconda edizione al via. Domenica 14 aprile ore 9.30, Pacengo, Capannina Beach

Domenica 14 aprile al via la seconda edizione della Camminata rosa. L’iniziativa di Sos Violenza domestica  si svolgerà a Lazise, località Pacengo, lungolago della Guglia Capannina Beach, da dove, alle 9.30, partirà la camminata non competitiva di  5 km. contro la violenza alle donne. Continua a leggere “Camminata rosa di Sos violenza domestica, seconda edizione al via. Domenica 14 aprile ore 9.30, Pacengo, Capannina Beach”

“I nostri amori, le tue canzoni” Un libro di Stefano Marina. Sabato 6 aprile ore 20.30 al Teatro Parrocchiale di San Benedetto, Peschiera del Garda

IMG-20190319-WA0000

Peschiera del Garda – Sabato  6 aprile alle 20.30 al Teatro Parrocchiale di San Benedetto, presentazione del libro di Stefano Marina “I nostri amori, le tue canzoni”. L’iniziativa del comune di Peschiera, in collaborazione con Sos Violenza domestica, vede anche la partecipazione della psicologa Roberta Toffoli. “Uomini innamorati, pronti a tutto per l’amore della loro amata. Donne amate ma sempre rispettate nelle loro scelte, nelle loro decisioni, anche quelle più difficili da accettare per un uomo, quando le loro parole mettono fine ad una storia d’amore. Per sempre. Anche questo è amore, anzi questo è l’amore. Storie di piccoli e grandi amori, una sola grande colonna sonora: i testi e le musiche del maestro Claudio Baglioni”. La presentazione sarà accompagnata da brani musicali. Entrata libera